MUSICA
TEATRO
Copyright © 2013 MAT All Rights Reserved -
Designed by www.sbb-imagine.com

Workshop di Recitazione Cinematografico
per ragazzi

Condotto da Simone Gandolfo

 

QUANDO

22 e 23 Aprile 2017
Dalle 10 alle 19
Spazio MAT - Pregassona

RETTE

100 CHF per allievi MAT
150 CHF per esterni


PER CHI

Il seminario è rivolto a tutti gli allievi di scuole di teatro e di cinema dai 10 ai 15 anni


PRESENTAZIONE


La recitazione cinematografica è un' arte che passa attraverso il rapporto con la macchina da presa, occhio in grado di scrutare l' anima di chi gli sta innanzi fin nei più reconditi meandri. Stare davanti alla macchina da presa richiede un allenamento specifico atto a conoscere il mezzo tecnico e a valorizzare l' espressione di se che ogni attore insegue. Il set è un microcosmo con delle regole non scritte ma molto precise, al centro di questa galassia: l' attore. Come la punta dell' iceberg l' attore porta sulle sue spalle la responsabilità di tutti coloro che hanno lavorato prima di lui per la riuscita della scena. Come prendere energia da tutto ciò e non sentirsi schiacciati? Come catalizzare e valorizzare attraverso la propria espressione il lavoro di tutta la troupe?
Queste sono alcune delle domande che questo work shop si propone di indagare.

ARGOMENTI

rilassamento e training specifico
analisi del testo
drammaturgia applicata alla recitazione
rapporto con la macchina da presa
fotografia applicata alla recitazione
procedure di set
teoria cinematografica
vocabolario cinematografico


SIMONE GANDOLFO

Si forma come attore alla Scuola del Teatro Stabile di Genova, nel 2000 si trasferisce a Roma e continua il suo percorso di studi, tra gli altri con: Valerio Binasco, Mamadou Dioumè, Geraldin Baron, Doris Hics, Maurizio Donadoni.
In una più che decennale esperienza di attore si divide tra teatro, tv e cinema, conosciuto al grande pubblico per l’interpretazione televisiva dei campionissimi della storia del ciclismo “Fausto Coppi” e “Costante Girardengo” e il tenente Orlando Serra in “Ris Delitti Imperfetti”.
Per citare solo alcuni dei suoi altri lavori come attore: “Graffio di Tigre” di A. Peyretti, “La baronessa di Carini” di U. Marino, “Texas” di F. Paravidino. “La Tigre e La Neve” di R. Benigni. Collabora per alcuni anni con Alessandro Baricco ed è uno dei protagonisti dei progetti “Omero Iliade” e “City Reeding Projet”.
Lavora inoltre con Valerio Binasco, Patrik Rossi Gastaldi ecc.
Nel 2003 collabora come regista assistente con Fausto Paravidino allo spettacolo “Main streem”.
Nel 2006 cura l’adattamento per il teatro di un romanzo di John Fante “West Of Rome”.
Nell’ estate del 2008 debutta come regista al festival teatrale di Borgio Verezzi, con un testo scritto da lui: “Rien a signaler” ( liberamente tratto da “Marinai perduti” di Jean Claude Izzo).
In quest’ occasione dirige attori di comprovata fama ed esperienza quali Paolo Graziosi e Sergio Romano.
Nell’ ottobre del 2008 collabora con Erri de Luca alla riduzione teatrale del suo romanzo “In nome della madre”. Cura anche la regia dello spettacolo che lo vede protagonista come attore assieme allo stesso De Luca e alla giovane Sara Cianfriglia.
Lo spettacolo compie una fortunata tournèe che tocca tra le altre città come Roma, Siena, Rimini, Napoli.
Tra il 2006 e il 2008 realizza numerosi video industriali e spot fieristici per alcune aziende di olio e di vini.
Sempre nel 2008 Crea il format per una serie televisiva: “Pericolo Verticale”
È accreditato alla New York Film Accademy, presso la quale consegue il diploma in regia cinematografica and Digital New Media
Nell' Agosto del 2008 realizza due cortometraggi: “CHANCES” e “I WAS” prodotti dalla NY Film Accademy.
Nel 2009 realizza il documentario “Una montagna di storia” commissionato alla Sanguinetti Comunicazioni dalla Cervino spa e Regione autonoma Valle D' Aosta
Nel febbraio del 2009 cura la regia di un videoclip per Gian Maria Testa: “Come al Cielo gli Aeroplani”
Nel settembre 2009 realizza il cortometraggio “L' architettura del Mare” con il patrocinio della Film Commission di Genova
Sul finire del 2009 realizza il documentario: “Oyace, fita di pan ner” con il quale continua la proficua e ormai rodata collaborazione con la Sanguinetti Comunicazioni.